Hemproutine tutto Rosa: Parliamo di seno

Artikel teilen

Un intero mese dedicato alla salute del seno

Vogliamo che ti senta bene con il tuo corpo. Per questo creiamo prodotti a base di CBD (https://hemproutine.it/shop/) che possano aiutarti in modo attivo a raggiungere questo obiettivo, in più, possono contribuire a porre rimedio a problemi che hanno ripercussione sul tuo equilibrio spirituale, mentale e fisico. In questo mese in particolare, vogliamo incentivare tutte le donne  a prendersi attivamente cura della salute del loro seno. Per questo motivo noi di Hemproutine abbiamo deciso di dedicare il mese di Ottobre al “Pinktober” e appoggiare ALTS (http://www.alts.it/) nel diffondere consapevolezza per aumentare le possibilità di una diagnosi precoce di cancro al seno.

Cura e amore per il seno

Anche se i social media -qualche volta- vogliono convincere del contrario, tutti i seni sono belli. Ti diremo di più, sei tu a dover fare il primo passo verso la prevenzione, a casa ma anche presso uno specialista, su base regolare per capire se va tutto bene. Questo è il significato dei Pink Ribbons, come se fossero un promemoria per ricordare del cancro al seno e del fatto che si può diagnosticare in modo preventivo. Un simbolo meraviglioso che porta con sé un messaggio importante che riguarda tutte: in Italia soltanto, il 14,6% di tutte le nuove diagnosi riguarda il carcinoma della mammella, ed è stimato che 1 su 9 lo svilupperà nel corso della vita, una patologia con possibilità di essere sconfitta relativamente alta se diagnosticata in tempo. Per questo motivo, oltre alla visita annuale di controllo ginecologica, dovresti tu stessa palparti il seno con cura e minuzia. Il grafico che segue spiega come farlo.

Hemproutine è qui per supportare te e ALTS

Il miglior momento per toccarsi il seno è quando sei rilassata e comoda. Un goccio d’olio o un po’ di crema ti faciliteranno con i movimenti dolci dell’analisi. Se puoi, ti consigliamo di prendere il pomeriggio libero, fai un bagno o una doccia calda e fai l’auto-palpazione dopo, quando applicherai la crema. 

Il CBD: la soluzione per ogni situazione

Sfortunatamente niente, neanche le visite di controllo annuali, possono contrastare lo sviluppo del cancro al seno. Possono assicurare però che sia diagnosticato quando le possibilità di sconfiggerlo siano al massimo. Allo stesso modo, il CBD non può curare il cancro, ma può esserti di grande aiuto nel processo di cura e in tutte le sfide che esso comporta. Se sei sotto cura, ti invitiamo, prima di iniziare ad assumere olio a base di CBD, a consultare sempre il tuo dottore. L’olio al CBD potrebbe aiutarti, tra le altre cose, in caso di:  
  • Dolore alle articolazioni ed ai muscoli
  • Rigidità e fastidio 
  • Ansia, stress ed insonnia 
  • Nausea, vomito e perdite di appetito dovute alla chemioterapia
Se hai altre domande a riguardo della prevenzione al cancro al seno, se hai qualcuno di caro che ne è affetto o tu stessa ne sei affetta, ti consigliamo di visitare ALTS, Associazione tumore al seno, dal 1986 impegnata nella tutela della salute della donna.

Il CBD e il Cancro

L’aumento dei casi di cancro ha portato attenzione sul prevenirlo. È ormai di pubblica conoscenza che l’aumento dei casi di questa malattia è largamente influenzato da scelte di vita come ciò che si mangia, quanto esercizio fisico si fa ed il livello di stress che si sopporta su base quotidiana. La prevenzione è vitale, perché non appena le cellule tumorali iniziano a spargersi ed ad aumentare potrebbero essere molto veloci ed inarrestabili. I cannabinoidi hanno dimostrato avere un effetto modulatore sulle cellule ormone-sensibili del cancro al seno inserendosi all’interno del recettore-dipendente e regolazione-indipendente di invasione e proliferazione, entrambi elementi distintivi dello sviluppo del cancro. In particolare, è stato dimostrato che il CBD comporta l’attivazione della via apoptotica intrinseca presente nelle cellule tumorali del seno, portando alla morte della cellula stessa. Questa ricerca, avvenuta nel 2011, ha anche sottolineato il ruolo del CBD nella generazione di Specie Reattive di Ossigeno (ROS). Questo processo è cruciale poiché l’inibizione di queste Specie Reattive di Ossigeno blocca l’attivazione dell’autofagia e dell’apoptosi, significando che le cellule danneggiate possono essere cancellate e la morte delle cellule può accadere nelle cellule malate. Lo sviluppo di trattamenti per il Cancro a base di CBD è ancora nelle sue fasi iniziali. Il cancro è una malattia altamente complessa, con diversi fattori di rischio e possibili complicazioni che possono sorgere durante la diagnosi e il trattamento. La formazione di cellule tumorali coinvolge anche diversi processi regolatori come la divisione delle cellule, la morte delle cellule ed il metabolismo. Mentre ricerche hanno provato che il CBD può ridurre molti fattori chiave nella formazione del cancro come infiammazioni e pressione sanguigna, i risultati sono ancora inclusivi per la prevenzione del cancro. D’altra parte, come già spiegato, il CBD può essere di grande aiuto per alleviare i sintomi causati dalla cura di esso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trustpilot