Estrazione dell'olio di CBD con CO2

Estrazione dell'olio di CBD con CO2

Inserito da Carmen Deda il giorno

Come funziona l'estrazione di olio di CBD con CO2?

Esistono due modi per estrarre il cannabidiolo. Il primo consiste nella produzione chimica, che permette di ottenere il CBD isolato. Come suggerisce il nome, si tratta di un isolato che contiene solo CBD puro. La seconda possibilità è l'estrazione naturale dalla pianta di canapa con CO2, il cui risultato è un estratto di canapa a spettro completo. Questo secondo metodo presenta diversi vantaggi: da un lato, contiene un maggior numero di cannabinoidi, che ampliano lo spettro degli effetti e, dall'altro, il prodotto CBD contiene terpeni e altri ingredienti. Gli altri principi attivi, oltre al CBD, determinano il cosiddetto “effetto entourage”. In conclusione, si può affermare che chi utilizza prodotti a spettro completo può beneficiare della sinergia del CBD con altri principi attivi presenti nella canapa. Rispetto agli isolati di cannabidiolo, gli estratti di canapa a spettro completo mostrano un effetto naturalmente ottimizzato che non solo è più forte, ma anche più ampio di quello del CBD puro. I prodotti Hemproutine contengono estratto di CBD a spettro completo, per poter sfruttare tutta la potenza della pianta di canapa.


La produzione di olio di CBD a spettro completo

La crescente popolarità del CBD solleva molti interrogativi. Molti si chiedono come sia possibile estrarre il CBD dalla pianta di canapa senza che questo entri in contatto o si contamini con altre sostanze, come il THC. In questo articolo spiegheremo come si estrae il CBD attraverso il processo di estrazione a CO2 e quale sia il metodo più sostenibile per il processo di estrazione. La qualità del prodotto finale è già determinata dalla selezione dei semi di canapa. Se la pianta di canapa cresce in condizioni biologicamente perfette, ci si può aspettare un ricco spettro di ingredienti e quindi di potenza. Tuttavia, anche la materia prima della migliore qualità risulta inutilizzabile se non è possibile scioglierne i componenti. Il CBD è solubile sia nei grassi che nell'alcol. Questo potrebbe far pensare che l'uso di uno dei due solventi porti a prodotti di alta qualità. Ma non è così! Perché il motivo per cui si sceglie l'estrazione con l'alcol o con i grassi è prevalentemente di natura economica: non costa molto e non comporta grandi sforzi. Di conseguenza, i commercianti possono vendere l’olio di CBD a un prezzo inferiore rispetto ai concorrenti che utilizzano l'estrazione con CO2.


Estrazione di CBD con CO2 critica e non critica

Estrazione significa, in parole semplici, "tirare fuori" determinate sostanze da una materia prima per mezzo dell'anidride carbonica. Utilizziamo, cioè, ciò che espiriamo per estrarre dalla cannabis i principi attivi che ci interessano. I ricercatori hanno iniziato i primi tentativi di estrazione con CO2 già nel 1879. Tuttavia, è diventato possibile utilizzarla a livello industriale solo da circa 40 anni. Non sono solo gli estratti di canapa a essere estratti con questo metodo, ma anche la caffeina e le sostanze aromatiche, per esempio. Non per niente le industrie farmaceutiche, alimentari e chimiche utilizzano questo processo. Esistono diversi "livelli" di estrazione con CO2, che possono essere suddivisi in “critici” e “non critici”. Ad Hemproutine utilizziamo l'estrazione di CO2 supercritica, in quanto è la più efficace. Fondamentalmente, l'estrazione di CO2 prevede due fasi:

  • Sciogliere le sostanze desiderate dalla cannabis
  • Separare l'estratto ottenuto dal solvente.

 


L'estrazione di CBD con CO2 supercritica

Questo metodo richiede attrezzature speciali e molto know-how. Funziona con un sistema a ciclo chiuso, il che significa che il processo avviene in un circuito completamente separato. La materia prima viene preventivamente riscaldata e i cannabinoidi inattivi vengono separati da un gruppo acido e contemporaneamente attivati. Questi processi sono chiamati “decarbossilazione”. Allo stesso tempo, il materiale vegetale si asciuga, impedendo così la formazione di acido carbonico. La CO2 viene ora raffreddata a -56°C mentre la pressione viene aumentata a 5 bar. In questo modo la CO2 si trova in uno stato "supercritico", il che significa che i confini tra liquido e gas si confondono. In questo stato, la CO2 si comporta come un solvente. Viene fatta passare attraverso una camera che contiene il materiale vegetale. Nel frattempo, la CO2 mantiene ancora la densità di un liquido, ma può riempire l'intera camera come un gas. Questo è l'ideale per l'estrazione, in quanto si evita la denaturazione o il danneggiamento. I cannabinoidi e i terpeni vengono estratti dalla CO2, cioè sciolti dai loro fiori. Per dividere il solvente dalle sostanze estratte, queste vengono passate in un separatore e poi scomposte in diverse parti. I composti estratti vengono inviati a un serbatoio di raccolta, mentre la CO2 viene fatta passare attraverso un condensatore per essere riportata al suo stato originale in modo da poter essere riciclata e riutilizzata nello stesso processo.


I risultati

L'estrazione di CO2 non critica è un processo simile, ma richiede una pressione inferiore e presenta una resa minore, o una qualità inferiore. L'estrazione con CO2 supercritica produce un olio puro e di alta qualità, ed è per questo che preferiamo questo metodo. Con l'estrazione a CO2, infatti, l'intero spettro di sostanze vegetali viene conservato grazie alla delicatezza del processo di estrazione. Di conseguenza, il nostro olio ha un contenuto totale di cannabidiolo più elevato a parità di valori percentuali. Gli estratti naturali provenienti dall'estrazione delicata con CO2 hanno il vantaggio di conservare l'intero spettro di sostanze vegetali della pianta di canapa.


CBD a spettro completo o isolato?

Il CBD a spettro completo contiene tutti gli ingredienti tipici del cannabidiolo, compresi i composti vegetali secondari (terpeni, flavinoidi, fenoli). Questi si dissolvono durante l'estrazione con CO2 supercritica e sono di supporto per la nostra salute. In questo modo, il cliente è sicuro di consumare un CBD estratto in modo naturale. Il CBD isolato, invece, può essere ottenuto in due modi: attraverso l'estrazione con CO2 di cui sopra (su base naturale) o in laboratorio (sinteticamente). Dopo l'estrazione, l'isolato corrisponde inizialmente al CBD a pieno spettro, ma diversi "processi di purificazione" lo trasformano in un isolato medicinale che contiene solo CBD, senza composti vegetali attivi.


Da tenere in considerazione riguardo l’estrazione di CBD con CO2

Se all'inizio di questo articolo vi stavate chiedendo come estrarre il CBD dalla pianta di canapa, speriamo di aver risposto alla vostra domanda. Come già detto, esistono diversi modi per utilizzare questo metodo. I produttori commerciali tendono a utilizzare l'estrazione con CO2 per la qualità dell'olio prodotto. Si tratta ovviamente di un metodo enormemente costoso e tecnicamente complesso, ma molto sicuro ed efficiente. Pertanto, quando acquistate il CBD, prestate attenzione alla provenienza dei prodotti. In sintesi: l’estrazione con C02 supercritica consente di produrre un estratto pulito da materie prime sicure sia per la natura che per l'uomo. Potete trovare i nostri oli di CBD a spettro completo di alta qualità qui.

← Post meno recente Post più recente →

CBD knowledge

RSS
Spettro del CBD

Spettro del CBD

Di Lena Grammling

Ogni persona presenta caratteristiche uniche in termini di chimica del corpo e di percezione. Ciò significa che il CBD funziona in modo diverso per ognuno...

Leggi di più
Sistema Endocannabinoide

Sistema Endocannabinoide

Di Lena Grammling

Per comprendere gli effetti del CBD sul nostro corpo, non si può prescindere dal sistema endocannabinoide (ECS). Il sistema endocannabinoide si trova nel cervello e...

Leggi di più